mercoledì 25 novembre 2015

Various - Dabke دبكة (Folk Songs Dances From Lebanon)

01 Fairuz - Ya Halaj Sannine
02 Rahbani Brothers - Raksat Al Manadil
03 Fairuz  - Medley Of Pop Songs
04 Rahbani BrothersRaksat Sharkiyya
05 Sabah  -  An Nada' Nada
06 Nasri Shamseddine  -  Tallou Esseyad
07 Sabah   - Marhabtein Oua Marhabtein
08 Zaki Nassif   - Raksat Al-Abarik
09  Sabah  - Enny Ya Menjayra
10 Zaki Nassif  - Leyletna
11 Wadi Al Safi  - Ammer Ya Maalem El Omar
12  Fairuz Ghomr El Ghadayer
13 Nasri Shamseddine   - Al Ali Eddar
14 Sabah  - Al Leylaki


martedì 24 novembre 2015

Arab tunes mixtape # 30 - Morocco's Grooves

Between the late '90s and early 2000s, were made several compilations, quite poor, which proposed, what was called, chill out Arabic. These collections have been quickly forgotten, but not everything that was contained in them, had to be thrown away. This mixtape brings together those that I consider to have been the best projects ... all Moroccans

Enjoy them

Dedicated to all the brothers and sisters who at this time are seen as the enemy.

Arab tunes mixtape # 30 - Morocco's Grooves

01 Azzddine - Srir F'Al Houbb

02 Aisha Kandisha's Jarring Effects - Muey A Muey

03 Amira Saqati - Aboun Salehoun

04 Kasbah Rockers - Falludjah Car

05 Maghrebika - Al Insan

06 Amira Saqati - Marrakech X-Press

07 The Master Musicians of Jajouka - Sufi Hadra

08 Amira Saqati - Galbi Tabe

09 Kasbah Rockers – Hikayati

10 Aisha Kandisha's Jarring Effects - Enti Kandisha Enti

11 Maghrebika - El Baqara

12 Azzddine - Ana Ou Enta


ARAB TUNES presents : "  Morocco's Grooves "

giovedì 19 novembre 2015

Lounès Matoub ⵍⵡⴻⵏⵏⴰⵙ ⵎⴻⵄⵜⵓⴱ

Lounès Matoub (in Kabyle: Lwennas Maṭub, in Tifinagh: ⵍⵡⴻⵏⵏⴰⵙ ⵎⴰⵟⵓⴱ (January 24, 1956 – June 25, 1998) was a famous Berber Kabyle singer, poet, thinker and mandole player who was a prominent advocate of the Berber cause, human rights and secularism in Algeria throughout his life. He was a symbol of resistance, courage and dignity.

He is revered as a hero and martyr in Kabylie,the Berber World and the world but reviled by most of the Arab population in Algeria for his atheism and the alleged blasphemy of some songs (like Allahu Akbar) along with his militant advocacy of Berber rights, so he was unpopular among both warring parties during the Algerian Civil War. His assassination, in circumstances which remain unclear, provoked violent riots in Kabylie. Berber Algerians still accuse the Algerian government of killing Matoub Lounès, but some of the Algerian government's figures accused the Islamist terrorists of this crime.

Lounes Matoub was born on 24 January 1956 in the village of Taourirt Moussa in Algerian Kabylie. At 9 years of age he built his first guitar from an empty car oil can and composed his first songs as a teenager. His political and cultural identity was awakened by armed confrontations between Kabyles and government forces in 1963–1964. In 1968, the Algerian government introduced a policy of Arabization in the education system. Matoub reacted by skipping school; his memoirs recall: "We had to give up Berber and reject French. I said no! I played hooky in all my Arabic classes. Every class that I missed was an act of resistance, a slice of liberty conquered. My rejection was voluntary and purposeful."  By 1975, he had abandoned formal education. He left for France in search of work.

Matoub began his singing career under the patronage of the established Kabyle singer Idir. He recorded his first album Ay Izem (The Lion) in 1978; it was a phenomenal success. He went on to record 36 albums, as well as writing songs for other artists. He gave his first major concert in April 1980, at the time of the "Berber Spring" protest movement in Kabylie.

His music mixes Algerian Andalucian Chaabi orchestration with politicized Berber (Tamazight) lyrics, and covers a broad variety of topics including the Berber cause, democracy, freedom, religion, Islamism, love, exile, memory, history, peace and human rights. Unlike the Amazigh poet/musicians who preceded him, Matoub's style was direct and confrontational. Fellow musician Moh Aileche recalls:

He went straight. He criticized a president. He mentioned the president of Algeria right in the beginning of his career. He goes black and white. He was very, very clear in his songs, and he is the only singer – not only Algeria, but in all of North Africa – who criticized the government and criticized clearly. He would never get afraid.

Despite being banned from Algerian radio and television, Matoub became, and remains, an extremely popular Kabyle singer.

During the riots in October 1988, Matoub was shot five times by a policeman and left for dead. He was hospitalised for two years, requiring 17 operations including the insertion of an artificial sacrum and the contraction of his leg by 5 cm. His 1989 album L'Ironie du sort describes his long convalescence.

During the civil war, which began in 1992, the Islamist Armed Islamic Group (GIA) added his name to a hitlist of artists and intellectuals. Matoub remained in Algeria. On 25 September 1994, he was abducted. He was held for two weeks in a GIA mountain stronghold and condemned to death. He was released following a large public demonstration in which his supporters threatened "total war" on the Islamists.

In 1994, he published his autobiography entitled Rebelle (Paris: Stock, 1995).

On 25 June 1998, at approximately 12:30 pm local time, Matoub's car was stopped at a roadblock while he was driving along a mountainous road in eastern Algeria. The car was fired upon by masked gunmen, killing Matoub and wounding his wife, Nadia Matoub, and two sisters-in-law. Within hours, news of Matoub's murder had spread throughout Kabylie and thousands of angry mourners gathered around the hospital where his body was taken. The crowd shouted "Pouvoir, Assassin" ("Government, Assassins"). A week of violent riots followed his death. Young demonstrators clashed with riot police and attacked government property. On 28 June 1998 tens of thousands people attended his funeral in front of his house in his native village. He was buried between a fig tree and a cherry tree, opposite the house he was born in. Matoub's family played a scathing parody of the Algerian national anthem, which came from Matoub's final album Lettre ouverte aux... ("Open letter to..."), released after his death (Gold-Disc). Matoub's assassination occurred a week before a law excluding languages other than Arabic from public life was due to come into effect. Matoub had been an outspoken critic of this law. On 30 June 1998 the GIA claimed responsibility for the assassination of Lounes Matoub.

On the first anniversary of his death, a general strike was observed in Kabyle's capital Tizi-Ouzou and thousands protested on the streets. Protesters broke into the town's court room and tore down its scales of justice. The BBC reported that many Berber activists blamed the government for Matoub's death and rejected its claim that Islamists were responsible.

Around 20,000 people marched in Tizi-Ouzou to mark the third anniversary of Matoub's assassination.

His family have created a foundation in his name to promote his memory, throw light on the circumstances of his assassination and promote the values he defended. Two streets in France have been named after Matoub, one in Grenoble and one in Lyon.

On 18 July 2011, two men, Malik Madjnoun and Abdelhakim Chenoui, were convicted of killing Matoub, and sentenced to 12 years in jail. The one-day trial was suspended twice when Matoub's family interrupted to insist the suspects were innocent. As Madjnoun and Chenoui had been in prison awaiting trial since 1999, they were released in 2012, having served their time.

Matoub Lounès spoke out in favour of federalism, secularism, democracy, freedom of speech, the recognition of Berber as a national and official language, and the decentralization of public schools.

For a period of time, he was a member of the Rally for Culture and Democracy, an opposition party in Algeria, although he had left the party by the time of his death.

(Source : Wikipedia)

Lounès Matoub ( in Tifinagh: ⵍⵡⴻⵏⵏⴰⵙ ⵎⴰⵟⵓⴱ ) è stato un cantautore, poeta ,pensatore e attivista algerino. Ha contribuito con le sue canzoni e la sua militanza alle rivedicazioni e alla divulgazione della cultura Amazigh. Simbolo di resistenza, coraggio e dignità, in virtù del suo attivismo (che ha interessato oltre la causa dei diritti umani anche la laicità dello stato e la democrazia), è venerato come eroe e martire in Cabilia, ma insultato dalla maggior parte della popolazione araba in Algeria per il suo ateismo e la presunta blasfemia di alcune sue canzoni.

Nato il 24 Gennaio del 1956, da una famiglia molto modesta ,nel villaggio di Taourirt Moussa Ouamar ,situato sulle montagne della Cabilia , durante la guerra di indipendenza algerina, il piccolo Lounès è costretto a vivere lontano dal padre emigrato forzatamente in Francia per poter dare di che vivere alla propria famiglia.

Allevato dalla nonna e dalla mamma Aldjia, Lounes diventerà il "piccolo uomo" di casa esvilupperà un forte attaccamento alla madre, vera colonna portante della famiglia in 

Con la madre e la sorella
assenza del marito. Proprio Adija, solita accompagnare il proprio lavoro, sia in casa che nei campi, con canti della tradizione Cabila istillerà nel figlio il potente desiderio di avventurarsi nel campo della musica e della canzone.

All'età di 9 anni Lounes costruisce la sua prima chitarra servendosi di una lattina d'olio e del filo da pesca , riuscendo a riprodurre una melodia molto popolare in Cabilia all'epoca: '' Ah a madame serbi latay "

Consapevole di quanto l'istruzione rappresenti un elemento essenziale per lo sviluppo di un individuo , la madre di Lounes iinsistette perchè il figlio frequentasse la scuola prima di raggiungere l'età richiesta.

Iscritto nel 1961 presso la scuola nel suo villaggio, una delle più antiche scuole in Cabilia costruita alla fine del XIX secolo, Lounes si dimostrò bambino studioso, loquace e indisciplinato , germogliava prematuramente nel suo animo quel seme della disobbedienza che in seguito farà di lui un grandissimo ribelle. Inutile dire di quanto la scuola , costituita da regole e schemi , rappresentasse una prigione. Il saltare le lezioni divenne quasi uno stile di vita e Lounes preferiva di gran lunga stare all'aria aperta , girovagare ed osservare le donne lavorare i campi.
Nonostante questo, il periodo degli studi rappresentò un momento formativo e cristallizzò gli elementi che avrebbe formato il cantautore futuro. Le lezioni di storia in particolare rappresentarono un momento davvero interessante per Lounes. La storia di Giugurta re della Numidia , imprigionato nel carcere Mamertino a Roma e barbaramente ucciso , offrì uno spunto di riflessione sulla sorte delle popolazioni berbere . Riguardo questo argomento egli affermerà inseguito : «Perché questo re berbero, del quale siamo discendenti, poteva essere umiliato così? Avvertivo per questo un profondo senso di ingiustizia, una ferita quasi 

Foto di classe
L'insegnamento scolastico , oggi ne sono convinto, è stato importantissimo per la crescita della mia consapevolezza e della mia identità. Non solo mia, ma anche di quella di molti bambini della mia generazione. Grazie a questo ho realizzato la profondità delle mie radici Cabile ".

Tra i valori aggiunti dati dalla frequentazione dell'istituzione scolastica vi è stata la padronanza della lingua francese , conoscenza grazie alla quale è cresciuto l'appetito di Lounes per la lettura. Ha letto Mouloud Mammeri, Albert Camus, Mouloud Feraoun e Jean Amrouche.

Le istruzioni , per quanto mal sopportate, hanno quindi contribuito a rendere Lounès un uomo, in cui la questione dell'identità diventa una priorità, una preoccupazione fondamentale. La qualità dell'insegnamento ricevuto ha fornito le basi che avrebbero fatto di lui un vero attivista democratico.

Paradossalmete l'unica materia riguardo alla quale non ha mai ricevuto un vero insegnamento formale è stata proprio la musica . Lounes Matoub è stato in questo campo un vero autodidatta : "Non ho mai studiato né musica, né armonia. Anche durante le serate di gala, non seguo nessuna partitura. Ho sempre lavorato grazie a quell'orecchio musicale che ho acquisito ascoltando i canti degli anziani durante le veglie funebri , dove le canzoni sono assolutamente mozzafiato.Veri e propri cori liturgici nei quali no si canta Dio,ma si parla di miseria sociale, vita e morte. Sono le canzoni del nostro patrimonio, che gli uomini e le donne hanno cantato per generazioni . Questa è la mia unica cultura musicale. Non sono in grado di leggere una singola nota musicale, al punto che non riesco a distinguere gli spartiti delle mie composizioni. Tutto quello che faccio, lo faccio a orecchio. Prendo il mio mandolino e ci provo. Trovo gli accordi e poi compongo canzoni che diventano melodie. Li annoto nella mia memoria e li ricordo. So che questo può sorprendere un certo numero di musicisti, ma non ho mai usato un diapason.La teoria musicale mi è del tutto estranea .Sul palco, chiedo ai musicisti di seguire la mia voce. È così che ho sempre lavorato e sempre registrato i miei dischi. Molte volte ho pensato che sarebbe stato opportuno imparare la musica in modo rigoroso. Poi ho sentito che lo "stress" alla fine avrebbe potuto mettermi in imbarazzo e impedirmi di avanzare. Così ho rinunciato, e mi trovo molto bene. E anche se non conosco la musica in senso accademico, capisco benissimo quando il mio strumento è scordato Questa è, a mio parere, una questione di istinto. Anche in musica sono anticonformista, insofferente alle catene rappresentate da regole e leggi. Siccome tutto questo funziona, perchè farsi domande ? ".

Dopo l'indipendenza nel 1962, l'Algeria sembrò andare verso un futuro di pace e sviluppo , ma a distanza di un anno dalla liberazione le violenze ripresero in Cabilia . L'identità politica e culturale di Lounes venne risvegliata nel 1963 dagli scontri armati tra Cabili e le forze governative di Ben Bella, presidente dell'Algeria indipendente. Il regime algerino assunse sempre di più le fattezze del nemico.

Nel 1968 la legge sull'arabizzazione della scuola introdotta dal ministro dell'educazione Ahmed Taleb colpì Lounes Matoub come una spada.

Egli rifiutò categoricamente l'insegnamento sia della lingua araba che della scuola coranica. Nelle sue memorie ricorda : "Abbiamo dovuto rinunciare al berbero e rifiutare il francese. Ho detto di no e ho saltato tutti corsi di arabo. Ogni mia assenza in classe ha rappresentato un atto di resistenza, una fetta di libertà conquistata, ogni mio rifiuto è stato un atto volontario e propositivo ".

In seguito a questi eventi abbandonò la scuola e continuò gli studi da autodidatta. 

 Nel 1972 il padre tornò a casa dopo 30 anni di esilio . Al suo ritorno portò in dono al figlio un mandolino, acquistato a Parigi da Paul Beuscher, uno dei dei più bei regali ricevuti da Lounes nel corso della sua vita . Un anno dopo, perderà lo strumento durante una partita di poker . L'anno successivo, riuscirà a comprare una chitarra e comincierà ad esibirsi regolarmente in pubblico a feste e matrimoni.
Ripresi gli studi presso il liceo Bordj Menaïel, venne più volte richiamato e punito a causa della sua cattiva condotta. In seguito ad una rissa , ferì un ragazzo .
Arrestato dalla polizia e condotto in tribunale osò chiedere al pubblico ministero una sigaretta. Questo stordito da tale comportamento decise di incarcerarlo per un periodo di un mese. Terminati gli studi svolse alcuni lavoretti fino a quando venne chiamato per svogere 

un periodo di leva della durata di due anni a Orano. Di tale periodo manterrà sempre 

pessimi ricordi.
A militare
Il compenso di 4000 franchi guadagnati nel corso di una serata in un caffè lo incoraggiò a trasferirsi in Francia alla ricerca di un futuro in campo musicale.

A Parigi, si è esibirà nei locati frequentati dall'immigrazione Cabila. Durante questo periodo fece conoscenza del famoso cantante Idir, il quale lo invitò ad esibirsi insieme ad altri cantanti nel corso di un grande recital dedicato alla canzone berbera. A questo concerto Lounes Matoub incontrò due grandi nomi della canzone Cabila: Slimane Azem e Hnifa . Inserì in scaletta brani dei due autori e dedicò loro alcune composizioni originali nelle quali esprimerà il suo dolore per la triste sorte di questi artisti.

All'età di 22 anni, grazie al sostegno di Idir , pubblicò il suo primo album intitolato '' Ay Izem " (O leone) '', che divenne un enorme successo e trasformò il suo autore nella più grande 

speranza della canzone Cabila.
Giovane ribelle

Il successo conseguito motivò Lounes che produrrà nel biennio 1978-1979 album intensi e combattivi fino alla fine degli anni settanta nei quali dimostrerà tutto il suo valore artistico e umano.

I primi giorni degli anni '80 vedranno la Cabilia in piena effervescenza politica e sociale. L'emergere di una generazione di intellettuali impegnati nella lotta democratica si manifesterà nell'esigenza di un riconoscimento della lingua e della cultura berbera in Algeria. Di fatto prenderà vita il primo movimento popolare di opposizione alle autorità algerine dopo l'indipendenza del 1962.

Raggiunto a Parigi dagli echi di quella che verrà chiamata "Primavera berbera" (Tafsut Imazighen o semplicemente Tafsut ) Lounes decide di impegnarsi totalmente per la causa della sua lingua e della sua cultura. Partecipa attivamente alle contestazioni contro il regime organizzando una manifestazione di protesta davanti all'ambasciata d'Algeria a Parigi. Le proteste saranno bloccate dalla polizia che arresterà tutti i partecipanti, Lunes compreso.

Il vasto seguito raggiunto grazie alle sue produzioni musicali, lo porterà a tenere uno dei concerti più importanti di tutta la sua carriera. Nell'aprile del 1980 questo contestatore cabilo si esibirà in una splendida serie di concerti al teatro Olympia di Parigi indossando una tuta mimentica in assetto da combattimento, motivando il gesto con l'affermazione che la Cabilia era , di fatto, entrata in guerra.
Gli eventi tumultuosi degli anni '80 troveranno spazio nei successivi lavori di Lounes, il cui repertorio si farà sempre più politicizzato.

Le sue canzoni, costruite musicalmente miscelando sonorità andaluse, Chaabi algerino e la tradizione berbera, coprono una vasta gamma di argomenti che vanno al di là della difesa e dell'affermazione della cultura berbera .

Democrazia, libertà, religione, islamismo, amore, esilio, memoria, storia, pace e diritti umani, sono gli argomenti trattati dai suoi brani ma , a differenza dei poeti e musicisti che lo hanno preceduto, lo stile di Matoub risulta più diretto e conflittuale. Ogni tipo di sfumatura viene 

bandita e le sue opinioni risultano essere chiare ed inequivocabili e faranno di lui l'unico 

non solo in Algeria, ma in tutto il Nord Africa , che ha osato contestare il governo, il suo presidente e tutti i leader politici algerini, accusati di aver usurpato il potere e di avere limitato la libertà di espressione.

Ritenuto dal potere algerino un personaggio scomodo ed ingestibile, la sua musica venne vietata alle radio e la sua presenza nei media fu pressochè azzerata. Nonostante ciò la sua fama continuò a crescere nel corso di tutti gli anni '80 .

Tornato a più riprese nel suo paese di origine , le conseguenze delle sue contestazioni non tardarono a manifestarsi. Il primo dei grandi eventi traumatici che segneranno profondamente la sua esitenza si manifestò il 9 ottobre del 1988. Mentre, in compagnia di alcuni studenti si dirigeva verso l'università di Tizi Ouzou per distribuire alcuni volantini che invitavano allo sciopero generale in solidarietà con le manifestazioni che si stavano tenendo ad Algeri, la sua auto fu intercettata dai gendarmi algerini. I suoi compagni di viaggio furono arrestati, ma per il ribelle le cose andarono peggio. Senza motivo apparente uno degli agenti fece fuoco . Lounes crollò a terra colpito da cinque proiettili, uno dei quali gli perforò l'intestino.
Ritenuto morto in un primo momento , venne trasportato ( con molta calma) all'ospedale di Ain El Hammam quindi a quello di Tizi Ouzou ed in seguito trasferito alla Orange Tree Clinic di Algeri dove rimase per circa sei mesi. Le sue cure saranno ostacolate in modo evidente dalle autorità algerine che sicuramente avrebbero preferito un suo decesso piuttosto che una sua riabilitazione. Le richieste inoltrate per un suo traferimenti presso una struttura ospedaliera in Francia verranno negate periodicamente. Finalmente il 29 Marzo del 1989 sarà dato il consenso per un suo trasferimento in Francia presso L'ospedale Beaujon. L'incidente accorsogli e le successive peripezie ospedaliere lasceranno il segno; a causa di un evidente negligenza del personale medico algerino, Lounes si ritroverà una gamba più corta dell'altra di cinque centimetri e sarà condannato ad una disabilità permanente. Sopravvissuto alla sparatoria , nel corso dei diciotto mesi che la seguirono, subì più di 

quindici operazioni chirurgiche. 

Isabelle Adjani gli fa visita in ospedale
 Fedele al suo spirito sarcastico e combattivo queste sue disavventure finirono per costituire la colonna portante dell'album '' L'ironie du sorte '' pubblicato nel 1989, composto durante la sua lunga convalescenza.

Le disavventure per Lounes non finirono qui. Una volta tornato in Algeria, nel mese di agosto del 1990 venne ferito da una pugnalata infertagli nel corso di una lite con un vicino di casa. Sarà di nuovo ricoverato in ospedale per un breve periodo.

Violentemente contrario di terrorismo islamico, Lounes Matoub condannò fermamente l'assassinio di intellettuali e le violenze che si susseguirono in Algeria agli inizi degli anni '90. Durante la guerra civile, che ebbe iniio inizio nel 1992, il Gruppo islamico armato islamista (GIA), aggiunse il suo nome a una hitlist di artisti e intellettuali da eliminare.

La sera del 25 settembre 1994,mentre si trovava in un caffè in Cabilia in compagnia di alcuni amici, Lounes Matoub viene rapito da un gruppo di venti terroristi armati appartenenti al GIA . La notizia ha l'effetto di una bomba e sconvolge la Cabilia intera.
Giudicato da un tribunale islamico , sarà condannato a morte a causa delle sue idee e della supposta blasfemia contenuta nelle sue canzoni. Vivrà ogni giorno nell'angoscia e nel timore di esecuzione. Nelle sue memorie ricorda : "Sono stato giudicato e condannato a morte. Durante i giorni seguenti hanno continuato a rimproverarmi per le mie canzoni e il mio impegno. Mi hanno trattato come un miscredente, un nemico di Dio. In diverse occasioni hanno ricordato una mia affermaziane fatta nel corso di un programma speciale dedicato all'Algeria, nella quale dicevo di non essere arabo e di non avere l'obbligo di essere mussulmano. Hanno visto il programma ? Probabilmente no, ma le mie parole sono state riportate loro e questa frase è stata sufficiente a condannarmi a morte. La mia liberazione era impensabile. "

A seguito di una massiccia mobilitazione del popolo Cabilo , che minacciavano una guerra totale e senza quartiere all'islamismo, Lounes venne rilasciato il 10 ottobre 1994 dopo sedici giorni di prigionia, con la precisa raccomandazione di smettere di cantare . L'annuncio della sua liberazione è accolto da moti di gioia e tripudio in tutta la Cabilia, ma non mancheranno le insinuazioni velenose. La propaganda del regime algerino (sempre al lavoro) fomenterà speculazioni e dubbi ; il cantante sarà accusato di avere montato ad arte uno scenario falso con lo scopo di aumentare la sua popolarità.

 Dopo questi eventi, Lounes Matoub si rifugiò in Francia dove scrisse un il libro autobiografico inititolato semplicemente "Ribelle". A proposito di quanto scritto affermerà : "Questo libro è la somma di tutte le sofferenze passate. Il mio sequestro ed il mio rilascio in virtù della mobilitazione popolare, è stato il grilletto che ha scatenato il bisogno di scrivere. E 'stato un momento importante della mia vita. Quando ero convalescente, il sostegno della popolazione ha rappresentato per me un grande conforto psicologico. Anche quest'ultimo episodio è stato molto duro, molto doloroso. Sequestrato per 15 notti ,morto 15 volte consecutivamente .Questo è ciò che mi ha spinto a scrivere questo libro. La scrittura rimane una testimonianza durevole del pericolo insito nell'integralismo islamista."

Non interuppe per nulla la sua attività musicale e continuò a produrre album e a tenere concerti mantenendo invariato il livello delle sue invettive. Ricevette in questo periodo molti premi in virtù del suo impegno nella lotta per la libertà e l'affermazione dei diritti delle minoranze. Il mondo, non solo accademico, riconosceva a Lounes Matoub i suoi meriti , professionali e umani, mentre le istituzioni del suo paese di origine lo consideravano un reietto da eliminare.

L'esilio francese , pur foriero di molte soddisfazioni professionali, stava comunque stretto a Lounes che provava un forte senso di nostalgia per la Cabilia. La sua carriera artistica è sempre stata inseparabile dalla sua lotta politica ed il desiderio di riparare alle ingiustizie non è mai scemato in lui.

Per questi motivi, nonostante i pericoli e le minaccie , decise di rientrare in patria, tornando in Francia saltuariamente quando gli impegni professionali lo imponevano : " Devo tornare a casa,ho la mia battaglia da combattere. [...] Io preferirei morire per le mie idee piuttosto che morire di malattia o di vecchiaia nel mio letto." 

Con Nadia (Armato)

Dopo due matrimoni andati male ( Djamila e Saadia), nel 1997 Lounes incontrò Nadia che diverrà la sua terza moglie. La nuova consorte faticò ad accettare il nuovo stile di vita , sempre incerto e privo di sicurezza. Lounes dal canto suo rifiutò ogni tipo di protezione : "Ad ogni modo, essi un giorno mi avranno. So che morirò. Domani? Tra due mesi ? Non lo so. Preserverò la mia privacy fino alla fine . Se mi uccidono, vorrei essere ricoperto dalla bandiera nazionale e seppellito nella mia città natale . Quel giorno, io verrò consegnato all'eternità"

Nel mentre, instancabile, continuò a lavorare ad un nuovo album intitolato " Lettre ouverte aux ....." nel quale denuncia la viltà e la stupidità del governo algerino. L'album contiene una versione parodiata dell'inno nazionale algerino, una nuova beffa verso il potere : " So che questo mi creerà problemi , potrei addirittura essere arrestato ,me ne assumo il rischio. Dopo tutto dobbiamo andare avanti verso la democrazia e la libertà di espressione. "

Purtroppo non riuscirà a vedere gli effetti delle sue contestazioni.

Il 25 Giugno del 1998, mentre tornava a casa in compagnia della bella moglie e delle sue due sorelle, Lounes troverà la morte nel corso di un attentato. La sua auto sarà crivellata di proiettili ( 78 , in seguito agli accertamenti della polizia) sulla strada tra Tizi Ouzou e At Douala, a pochi chilometri dal suo villaggio natale. La moglie e le sorelle si salveranno , riportanto lievi lesioni . Gli assalitori estrarranno Lounes dalla sua Mercedes e si assicureranno della sua morte sparandogli due ulteriori proiettili a distanza ravvicinata, uno alla testa ed uno al cuore.

La notizia della sua morte si diffuse a macchia d'olio in tutta la Cabilia. Una settimana di violenti disordini sono seguiti alla sua morte. Giovani manifestanti si sono scontrati con la polizia in assetto antisommossa e hanno attaccato gli uffici del governo simbolo del regime gridando "Potere assassino" .

Al suo funerale, tenutosi il 28 Giugno, tre giorni dopo l'attentato, parteciparono centinaia di migliaia di persone, per rendere omaggio a colui che diede la sua vita per la libertà del suo popolo.

Loune Matoub fù sepolto, secondo il suo volere, nel villaggio natale , tra un fico e un albero di ciliegio, di fronte alla casa in cui era nato 42 anni prima.
I veri mandanti dell'assassinio del musicista rimangono ancora ignoti. Il GIA (Gruppo islamico armato) se ne è assunto la paternità, ma molti attivisti berberi hanno accusto il governo per la morte di Lounes Matoub . Una settimana dopo la sua morte verrà approvata la legge che bandirà dalla vita pubblica algerina ogni tipo di lingua ad esclusione dell'arabo. Legge che Lounes avversò con tutte le sue forze. 

La Famiglia creerà ad una fondazione a suo nome per mantenerne viva la memoria, 

La tomba
gettare luce sulle circostanze del suo assassinio e promuovere i valori che difendeva. Due strade in Francia saranno a lui intitolate, a Grenoble e a Lione.

Artista di talento divenuto in seguito alla sua dipartita un martire del nazionalismo Cabilo, ha dimostrato con le sue canzoni la veridicità del vecchio detto popolare, " ne uccide più la lingua che la spada".


Grande sostenitore di valori quali federalismo, laicità, democrazia e libertà di parola. Rivendicava il riconoscimento della lingua berbera come lingua nazionale e ufficiale, e il decentramento dell'istruzione pubblica. Nelle sue canzoni egli ha sempre difeso la propria lingua, messa al bando dalla costituzione.

Le armi di Matoub erano le parole, che egli dominava con rara maestria, contribuendo con esse ad elevare il proprio idioma da gergo reietto e disprezzato a lingua di una cultura moderna e viva. Per questo egli è indubbiamente da considerare uno degli esponenti di spicco della cultura berbera contemporanea ed una figura esemplare nel panorama civile del novecento.


Lounès Matoub - Ay izem  (1978)


01Ay Izem (Ô lion)
02 Ifenanen
03 Tegrawla-nneɣ
04 Aqlaɣ
05 Ya lferh-iw
06  Leḥbab-iw
07 Terriḍ
08 Anfiyi


 Lounès Matoub -Dawessu (1978)

01 A yemma aεzizen (Très chere mère)
02 Azul felawen
03 Nehder mitmal ddunit
04 Tiɣratin an ṛuḥ
05  Inaɣd ayen akka
Ddeεwessu (La malédiction)


 Lounès Matoub - A lhif yuran (1979)

01 Azul a mmi-s idurar (Au fils des montagnes)
02 Ger idurar n Luṛis (Les Aurès)
03 Ufiɣt yeduri tejra
04 Tegrurez
05 Ay idurar n Ğeṛğeṛ (Montagnes du Djurdjura)
06 Abehri
07 A lḥif yuran (Malheur inscrit)


Lounès Matoub ‎– Ay aḥlili   (1979)

01 Ay ahlili 
02 Athidhets Erdjou 
03 Gara nneɣ ur d yigri usirem
04 Ay aḥbib assa ad ṛuḥeɣ
05 Ak°it ay arrac nneɣ


 Lounès Matoub - Ṛuḥ ay aqcic  (1979)

01 Yaw at n magret
02 Ṛuḥ ay aqcic (Va, jeune homme)
03 Eqdaɣ lyass
04 Ur diyi-sseḍlam (Le sort affligé)
05 Ay akal hader
06 Idewweṛ i wedrar (La montagne encerclée)
07 Amirouche et Ferhat
08 Yeb°ded lawan
09 Acangal yezi
10 Arqiq lhal-iw


 Lounès Matoub - Yekkes-as i znad ucekkel  (1979)

01 Yekkes-as i znad ucekkal
02 Ay imesdurar (Les montagnards)
03 Aken kan id ttaxreɣ
A tidett wi kem-iεebban (Le fardeau de la vérité)
05 Iwexxer wagu
06 Ğeṛğeṛ yessawel i Luṛis (Le Djurdjura appelle les Aurès)



Lounès Matoub -  A ttwaliɣ (1980)

01 Waka m di-ssawlen
02 Xas ṛuḥ (Fin de règne)
03 Ay aqcic (Au pays des Kabyles)
04 Annaɣ i yi-iga ṛṛay-iw (La raison dévoyée)
05 Tilelli (La liberté)
06 Uh ay ihbiben-is
07 Ttaṛ-im a m-t-id-rreɣ (Ta vengeance)
08 A ttwaliɣ (Vision)


Lounès Matoub -Récital à l'Olympia  (1980)

01 intro
02 JSK
03 Imazighen
04 D'Aghrib
05 L'Guira thefra
06 Poemes Tayeb
07 Tter


Lounès Matoub - At Yiraten   (1981)

01 Muggreɣ At Yiraten (Les Aït Irathen)
02 Iffis
03 A askri
04 A mmi aεzizen (Mon fils adoré)
05  Yenayi aqli ad ṛuḥeɣ
06 Anef-iyi ad ruɣ (L'aunée)


 Lounès Matoub - Slaεbitt ay abeḥri   (1981)

Vol.1: Slaεbitt ay abeḥri

01 Sleεb-itt ay abeḥri (Le vent de la liberté)
02 Defreɣ-k s wallen-iw
03 An-nerreẓ wala an-neknu (Plutôt rompre que plier)
04 Ay adrar n At Yiraten (La montagne des Aït Irathen)

Vol.2: Yeḥzen Lwad Aεissi

01 Yeḥzen Lwad Aεisi (Oued Aissi en deuil)
02 Amuss yezga izedɣiten
03 Lwexda iṣaren (Terrible malheur)
04  Berzidan (Président)


 Lounès Matoub - Tirgin   (1982)

01 Ru ay ul (Nos reniements)
02 Tiɣri idurar (L'appel des montagnes)
03 Kumiṣar (Commissaire)
04 Tirgin (Les braises)
05 Assa tesεiḍ (Mon coeur sous une dalle)
06 Letnayen iṛuḥ d tlata
07 Ameḥbus-iw (Mon prisonnier)
08 Mi neztel s lkif


Lounès Matoub - Tamsalt-n-Slima  (1983)

01 Ur ifur
03 Allah wakbeṛ (Allah est grand)
04  Afalku bezru leɣrib
05 As lferh
06 Abrid at n a
07 Tamsalt n Sliman (L’épreuve de Slimane)
Yir tayri (L'amour infâme)
09  A lexlaxel


Lounès Matoub - Atarwa lhif   (1984)

01 Lhaq (La raison)
02 A sidi Abderahmane (Saint Abderahmane)
03 Monsieur le Président
04 Asa djazayri
05 Igujilen (Les orphelins)
06 A tarwa n lḥif (Les enfants du malheur)


 Lounès Matoub -Dda hemou  (1985)

01 Da Hamou
02 Asɣersif (Le peuplier)
03 Yecbas i rebbi leqlam
04 Ẓẓehr-iw (Ma chance)
05  Tamsalt-iw (Mon épreuve)
06 Aṭṭan n mmi (Le mal de mon fils)
07 Lgirra n esscandriya
08 Qelleb lmetl-im (Ton exemple)


Lounès Matoub - Lbabur (1985)

01 Imɣereq
02 Ma suɣeɣ (La calamité)
03 Lbabur
04 Tadukla (L'amitié)
05 Ugadeɣ a k-rwin (Peur qu'ils te ravagent)
06  Zzriɣ accu
07  Lebɣ-iw d array-iw
08  Mrehba s lehbab


Lounès Matoub - Les deux compères (1986)

01  Les deux compères
02 Yir argaz (Homme indigne)
03 A mes frères
04 Aɣrib (L'exilé)
05 Amek akka (Infamie et châtiment)
06 Utlif
07 Uh ay ihbiben-iw
08  Ul-iw gezm-it (Coeur-crible)


Lounès Matoub - Tamurt-iw (1986)

01 Yir aqbayli
02 Ddunit-iw (Ma vie)
03 A tamurt-iw (Ma patrie)
04 Lezzayer (L'Algérie)
05  Askri
06  Imdanen
07  Eras tili


 Lounès Matoub - Thissirth n'endama  (1987)

01 Tensa tafat
02 Udem n Lezzayer (Le visage de l'Algérie)
03 Sseḥseb (Pourpense)
04 Tadart-a
05 Instrumental tensa tafat
06 Tissirt n endama
07  Dayen idub ṛṛuḥ (Les âmes fendues)


Lounès Matoub - Lmut  (1988)

01  Tidett yeffren

02 Idrimen 
03  Igiṛṛu n lkif (Le chanvre)
04 Ihedaden bb°awal (Les cisailleurs de mots)
05 Ay arrac (La jeunesse)

06 Uzu n tayri (Le couteau de l'amour)
07  Lmut (La mort)


Lounès Matoub - Rwah rwah  (1988)

01 Sserhas ay adu
02 Aɣrib (L'éxilé)
03 Abrid ireglen (La route entravée)
05 At-tili lḥağa (L'insaisissable)
06 Arrac n tmanyin
07 S kra b-b°i-ghelken yeḥla (Les souffrants sans rémission)
08 Attas i-ssyenan


 Lounès Matoub - L'ironie du sort ( 1989 )

01  Ayen iraden (L'ironie du sort)
02 Yir lehlak (Elle s'arrache: la liberté)
03 Wissen (La désillusion)
04 A win iṛuḥen (Amertumes et regrets)
05  Lεemeṛ-iw (Ma vie)
06 Imceblen (La déchirure)
07 Ameni (L'espoir)
08 Ssu-yas (La gifle)
09 Tarewla (Le repentir)


Lounès Matoub - Regard sur l'histoire d'un pays damné  (1991)

Vol.1: Regard sur l'histoire d'un pays damné

 01 Regard sur l'histoire d'un pays damné  part 1
 02 Regard sur l'histoire d'un pays damné   part 2

 Vol 2 : Izriw

01 Iẓri-w (Mes yeux)
02 Aḥlil Aḥlil (Misère pour misère)
03 Tadukli (Fratrie)
04 Uzu tassa
05 Abeḥri n lḥif (La brise du malheur)


Lounès Matoub - Communion avec la patrie  (1993)

Vol.1: Communion avec la patrie

01 Hymne à Boudiaf
02 A yemma amek (Quel est ton sort, mère ?)
03 Imesḥaf (Les monstres)
04 Amğazi (Communion avec la patrie)

Vol.2: Lmeḥna

01 A yemma yemma (La fleur saxifrage)
02 Tuzzma n temɣer (L'effroi de l'âge)
03 Si ddaw uẓekka tiɣri-w (De la tombe, mon appel !)
04 Amessefray (Ma voix, dans le vide...)
05 Taseεdit (Tassadit)
06 Lmeḥna (La peine)


Lounès Matoub - Kenza  (1994)

01 Mm imezran (La gracieuse)
02 A ṭṭaffareɣ deg wussan (L'agneau oblatif)
03 Ttuɣ (L'amoureux réprouvé)
04 Kenza
05  Ṛuḥ ṛuḥ
06 Tamara (La contrainte)
07 Tannumi (L'habitude)
08 Tatut (L'oubli)
09 Tiɣri u gujil


Lounès Matoub - Tiɣri g-gemma   ( 1996 )

Vol.1: Assirem

01 Asirem (L'espoir)
02 Tameddit b-b°ass (La fin du jour)
03 Abrid n tdukli (L'horizon prospère)
04 Asmekti t-tuzzma (Remords et regrets)
05 Yir aṭṭan (La fatalité)
06 Lɣella n ṭṭrad (Le butin de guerre)
07 La soeur musulmane

Vol.2: Tiɣri g-gemma

01 Taεekkemt n tegrawla (Epreuves de révolution)
02 Imettawen-iw (Mes larmes)
03 Tiɣri g-gemma (La complainte de ma mère)
04 Tuzzma (L'effroi)
05  Lḥif n nnger (La déshérence)
06  Lmutt b-b°egrawliw (Compagnon de la révolution)
07 Tiɣri n tağğalt (La révolte de la veuve)


Lounès Matoub - Au nom de tous les miens  (1997)

Vol. 1 : Semeḥtiyi

01 Semmeḥt-iyi a leḥbab-iw (Mes amis... désolé)
02 Ay ixf-iw (Mon âme, que faire ?)
03 Anda-tt teεzibt (La vertu dépravée)
04 A baba ṛuh (Va, père)
05 Ay aḥbib-iw (L'ami fidèle)
06 Imcumen (Les scélérats)


Vol. 2 : Sel kan i dderz

01 Sel kan i dderz (Le temps au galop)
02 Ffeɣ ay ajṛad tamurt-iw (L'armée de sauterelles)
03 At yetran (Les galonnés)
04 Qqurent tregwa (Les rigoles de mes yeux)
05 Ay izri yesrindimen (A chaudes larmes)
06 Armi glalzeɣ i faqeɣ (Ebranlé)


Lounès Matoub -  Lettre ouverte aux… 

Vol.1: Tabratt i lḥekam

01 Ayen ayen (Ma vie d'abîme)
02 A tamɣart (Sa perdition)
03 Ifut lawan (L'ogresse de ma vie)
04 Nezga (L'amour fou)
05 Tabratt i lḥekam (Lettre ouverte aux...)


Vol.2: I luḥqed zhir

01 Ur sḥissif ara (Le col du salut)
02 Iluḥq-ed zzhir (A nos portes, la mort !)
03 Ddu d webrid-ik a l'ḥif (Salubre misère)
04 Yehwa-yam (Libre et femme)
05  Beddeɣ di tizi (Le gâchis)
07 Sers iman-ik (Narcisse noyé)


 1998   Lounès Matoub - L'adieu... (Live Zénith 98)

CD 1

01 Assirem 
02  Le Djurdjura : Ma vie
03 Avrid ireglen
04 Monsieur le président  
05  La giffle  
06 Kenza
07 Esslavits ayaverhi  
08 Tighri n tajjalt  
09 Hymne à Boudiaf  
10 Taekwent n tegrawla 


01 Aurifur
02 Tatut  
03 Ezzyar  
04 L'espoir
05 Ellah ouakbar  
06 Iguiru n lkif  
07 Rwah rwah
08 Igujilen  
09 Lettre ouverte aux....  
10 Ayahviviw
11 Ouidh issefsaden
12 As el farh