venerdì 16 settembre 2016

Arab tunes mixtape # 32 - Pop music will kill your soul

Image taken from the porn film "Women of the Middle East"




 It might seem that this mixtape is born of a sudden moment of madness, but there is an explanation.

A couple of friends (let's call Alessandro & Alessandra),
regulars of holiday resorts around the world, challenge my musical publications claiming that i never place the one that is the real Arab music.

 they refer of course to the music played in the tourist centers frequented by them which consists mainly in stereotypical pop songs performed by female singers that my grandmother would have called ,speaking out, little sluts .
Now, it would be unfair to use this term in reference to the world of pop singers from the Arab world, pop is not always synonymous of  low cultural level and debauchery, but there is no doubt that there is a music genre that exploits the sexual factor for commercial purposes.

 Mainly responsible for the spread of the majority of the plasticized pop music in the Arab world is the Rotana Group, plain known as Rotana.
It is the largest entertainment company
in the Arab world  that includes:
  a film production company (Rotana Studios), a magazine (Rotana Magazine), a television (TV Rotana), seven music channels (Rotana Radio), a record label (Rotana Records).


 Owner of 'imposing group is Saudi Prince Al Waleed bin Talal.

 It seems paradoxical that a member of one of the most obscurantist countries propose on his network starlets provocative running absolutely secular songs, allusive and saturated with sexual references, but the reality is exactly this.

 A significant example of this trade policy is offered us by the Lebanese / Egyptian  singer   Haifa Wehbe (present in this mixtape with the song Ebn El Halal). Each video in the network of this golden voice is little short of disgraceful, a real carnal performance.

 A strong disturbance welcomed her  movie  "Halawet Rooh" Egyptian remake of the Italian movie  "Malena" made years ago by Giuseppe Tornatore. Haifa Wehbe plays the role that was of  Monica Bellucci sending into raptures the large group of excited males who allowed the film to cash   988,000 Egyptian pounds in the first week of programming.

So, while with one hand  the  Saudi monarchies  financed Islamic groups with the intent to impose Islamic law in the world (but this is the version that provide us newspapers, TV and politicians, the truth in fact turns out to be dark) with the other, the great principles, devastate culturally  the entire Arab world saturating it with  asses and tits (not discovered to be honest) with the sole purpose of numbing the thought of the masses.


 It happens then that the couple of friends mentioned at the beginning (like most  of the Western population that believes being informed by the pay television and social networks) believe that the real Arab music is the one sent by Rotana and ignore the most interesting and culturally advanced musical reality that the Arab world is giving birth in recent years.

 The cover of the mixtape is meant to represent just that: a female disturbing that holding at the leash a dazed male from its forms. The female is Rotana and its trade policies, while the male is all those who sell their ideas in exchange for a fleeting satisfaction of the senses.

 I hope that Alessandro & Alessandra are pleased with this compilation.


Dedicated to all the dumb users who follow the stupid programs broadcast by the new digital channels.



P.S. :
If you had not understood it : Rotana is crap !!!





 


Potrebbe sembrare che questo mixtape sia nato da un improvviso momento di follia , ma esiste una spiegazione.

Una coppia di amici (chiamiamoli Alessandro & Alessandra) , assidui frequentatori di villaggi turistici in giro per il mondo, contestano le mie pubblicazioni musicali sostenendo che non pubblico mai quella che è la vera musica araba. Si riferiscono ovviamente alla musica propinata dai centri turistici da loro frequentatati che consiste prevalentemente in stereotipate canzonette pop eseguite da cantanti femmine che mia nonna avrebbe definito ,senza mezzi termini, piccole sgualdrine.

Ora , sarebbe ingiusto usare tale termine in riferimento all ’intero corpus delle cantanti pop provenienti dal mondo arabo , pop non è sempre sinonimo di basso livello culturale e dissolutezza, ma è indubbio che esista un filone musicale che sfrutta l’ammiccamento sessuale per scopi commerciali .

Responsabile principale della diffusione della maggior parte della musica pop plastificata nel  mondo arabo è il Rotana Group , semplicemnte conosciuto come Rotana.

Si tratta della più grande società di intrattenimento del mondo arabo che comprende :
una casa di produzione cinematografica (Rotana Studios), una rivista (Rotana Magazine), una televisione (Rotana TV), sette canali musicali (Rotana Radio), un'etichetta discografica (Rotana Records).

Propietario dell’ imponemte gruppo è il principe saudita Al-Waleed bin Talal.

Sembra paradossale che un esponente di uno dei più oscurantisti paesi del mondo proponga sui suoi network divette sculettanti che eseguono canzoni assolutamente profane , allusive e sature di richiami sessuali , ma la realtà è esattamente questa.

Un esempio significativo di questa politica commerciale ci viene offerto dalla cantante libano/egiziana Haifa Wehbe (presente in questo mixtape con il brano Ebn El Halal ). Ogni video presente in rete di questa ugola d’oro è poco meno che vergognoso , una vera e propria esibizione carnale . Molto scalpore ha suscitato il suo fim “ Halawet Rooh “ remake egiziano della pellicola italiana “ Malena “ realizzata anni fa da Giuseppe Tornatore. Haifa Wehbe riveste i panni che furono di Monica Bellucci e manda in visibilio il folto gruppo di maschi assatanati che hanno permesso al film di incassare 988,000 lire egiziane solo nella prima settimana di programmazione.

Quindi, mentre da un lato le monarchie saudite finanziano gruppi islamici con l’intento di imporre la legge coranica al mondo intero ( ma questa è la versione che ci propinano giornali, tv e politici, la verità nei fatti risulta essere oscura ) dall’altro, i grandi principi ,devastano culturalmente l’intero mondo arabo saturandolo di culi e tette ( non scoperti a dire il vero ) con il solo scopo di intorpidire il pensiero delle masse.

Succede allora che la coppia di amici menzionata all’inizio ( come gran parte della popolazione occidentale che ritiene di essere informata dalla tv a pagamento e dai social network) creda che la vera musica araba sia quella trasmessa da Rotana  ed ignori le più interessanti e culturalmente avanzate realtà musicali che il mondo arabo sta partorendo in questi ultimi anni.

La copertina del mixtape vuole rappresentare proprio questo : una femmina conturbante che tiene al guinzaglio un maschio inebetito dalle sue forme . La femmina rappresenta Rotana e le sue politiche commerciali mentre il maschio rappresenta tutti coloro che svendono il loro pensiero in cambio di un effimero appagamento dei sensi .

Spero che Alessandro & Alessandra siano soddisfatti di questa compilation.

Dedicato a tutti gli ottusi utenti che seguono gli  stupidi programmi trasmessi dai nuovi canali digitali .


P.S. : Se non si fosse capito : Rotana è merda !!!





 Arab tunes mixtape # 32 - Pop music will kill your soul



 01  Melissa  - Jazeeret el Hob
 02 Gehan Rateb - Ediny Forsa
 03 Najwa Karam - 'artiwu qalby lamyn
 04 Amira eisawy - Rooh W Ensani
 05 Dounia Batma - Badri
 06 Maya Diab - Dabu 'ainik
 07 Darine - Aiwa
 08 Haifa Wehbe - Ebn El Halal
 09  Nancy Ajram -  Fe Hagat
 10 Ranin -  Habib Alby
 11 Myriam Fares -  ma yanni al naum
 12 Ruby  - 'a khayr
 13 Shakira -  El Kamoun
 14  Diana Dakwar-  Ah Ya Baba
 15 Yara - Salemoly
 16 Arwa - Ya moumayyaz
 17 Reem  - Tamer Amor
 18 Sabine  -  Barkouli Ya Banat
 19 Rosy  - Daket Mehbajek
 20 Shams  - Ashtah
 21 Reeda - Mashi Ya Zaman
 22 Rola Saad - ida ida 


 HERE






giovedì 15 settembre 2016

Salah Ragab and the Cairo ( Free ) Jazz Band




.



Drummer Salah Ragab is credited with starting up Egyptian jazz, with his co-founding of the Cairo Jazz Band. He also recorded with the Sun Ra Arkestra on two separate occasions and later with the German band Embryo (which Mal Waldron and Abdullah Ibrahim performed in at times). A Major in the Egyptian Army through the 1960s, and an avid jazz fan and drummer, Ragab first attempted to form a jazz band in 1964, with American saxophonist Mac X. Spears. The group didn't get very far, as Spears left Egypt right after its formation. Then, in December, 1966, Ragab met Hartmut Geerken and Eduard "Edu" Vizvari at a reception following a Randy Weston Sextet show. The three hit it off and decided to form the Cairo Jazz Band. Fortuitously, Ragab was soon (early 1968) appointed Chief of Egypt's "Military Department of Music." From the thousands-large group of professional musicians Ragab was in charge of, he chose about 25 for the Cairo Jazz Band and held crash courses in jazz history for these musicians -- whose only background had been national anthems and military marches -- while Geerken and Vizvari arranged and composed for the group.




 Cairo Jazz Band's debut performance occurred at Ewart Memorial Hall of the American University (where Weston had performed) in February, 1969, and included compositions by all of the group's founders, as well as arrangements of works by Dizzy Gillespie, Nat Adderley, Count Basie and more. The group drew large audiences in Cairo and Alexandria, and, with Ragab drumming, recorded in the early '70s, including Ragab's compositions "Oriental Mood" and "A Farewell Theme," which was a tribute to the late Gamal Abdel Nasser. Ragab met Sun Ra on Ra's first visit to Egypt in December, 1971. Sun Ra had come at Geerken's invitation, and his performances included an impromptu session in the host's living room. Ragab was in attendance, and met Ra. When Sun Ra returned in May, 1983, the Arkestra -- joined by Ragab on drums and congas -- recorded two of Ragab's compositions, "Egypt Strut" and "Dawn," a piece based on an Islamic hymn sung at the beginning of the Arabic month, "Shawall." The Sun Ra Arkestra was back early the next year, and Salah Ragab sat in on their performance at the Il Capo Jazz Club. Ragab's jazz recordings can be heard on Golden Years' 1999 reissue of Sun Ra Arkestra Meets Salah Ragab in Egypt. He also performs with Abdullah Ibrahim on at least one album of the German group, Embryo, entitled Embryo's Reise.

He died in July 2008 in Cairo at age 72.




 


 Salah Ragab e la Cairo  Jazz Band : una storia egiziana






 
Raramente, presso la cultura occidentale , le gesta di personaggi creativi e visionari sono state il frutto di rigide direttive governative, ma per quanto riguarda la genesi della musica jazz in Egitto si può decisamente fare un eccezione . Si da il caso infatti che Salah Ragab, pioniere del genere , polistrumentista specializzato nell’arte delle percussioni , responsabile per l'introduzione della musica jazz nel mondo arabo , sia stato anche una figura militare e politica operante attivamente nel programma nazionale egiziano.

Ciò che successe nel paese dei Faraoni nel corso degli anni '60 rappresenta davvero qualcosa di unico che raramente si è verificato nel corso della storia delle arti. Parte del merito va sicuramente alla decisione illuminata (non è dato sapere se voluta o casuale) del presidente egiziano Gamal Abdel Nasser . Condottiero e vincitore della rivoluzione accaduta nel 1952, il nuovo presidente fu un accanito sostenitore del nazionalismo culturale, considerato mezzo essenziale per il conseguimento di una forte indipendenza politica.

Allineare una nazione ad una precisa estetica nazionale, costituita da lingua, arte e musica, è stato un fenomeno comune a molti movimenti di liberazione. Educare le masse ad una nuova cultura promossa dal governo è stato visto come un mezzo per unificare la nazione. Attraverso arti e propaganda , il nazionalismo egiziano di Nasser venne diffuso in ogni segmento del paese ed il Jazz , secondo le intenzioni, sarebbe dovuta essere la musica del nuovo corso.
Raccontata cosi , specialmente dopo anni passati ad assimilare stereotipi sul mondo arabo, sembra quasi una barzelletta ma è accaduto realmente.


La lungimiranza culturale del presidente Nasser per concretizzarsi necessitava però di un addetto ai lavori, una persona culturalmente introdotta alle dinamiche della musica afro americana. Il giusto soggetto venne individuato nella figura di Salah Ragab, militare devoto alla causa rivoluzionaria del suo presidente , appartenente alle forze armate egiziane con il grado di Maggiore .

Nato al Cairo il 25 luglio del 1935, appassionato di musica jazz ed ottimo polistrumentista ,Salah El Din Ahmed Ragab si specializzò nello studio dei ritmi durante una breve permanenza negli Stati Uniti. Tornato in patria trasse beneficio dall'incontro con Malik Osman Karim Yagoub ,alias di Mac X Spears , sassofonista afroamericano di Kansas City (del quale si sono ormai perse le tracce ) il quale , trasferitosi in Egitto nel 1963 , gli insegno teoria musicale e lo volle come batterista del suo quintetto durante alcune registrazioni presso l'emittente radio del Cairo nel 1964 . La loro unione fu di breve durata e terminò quando il musicista americano decise di tornare negli Stati Uniti . Il maggiore fece tesoro degli insegnamenti ricevuti e coltivò la sua passione dedicandosi assiduamente all'ascolto e allo studio delle nuove sonorità provenienti da oltre oceano.

L'incontro decisivo per il suo futuro musicale , per quanto inaspettato, avvenne per Salah Ragab in una sera di Dicembre del 1966, durante una serata trascorsa presso l' Università americana del Cairo per seguire un concerto del Randy Weston Sextet dedicata alla storia del jazz. il Maggiore Ragab si trovò a condividere il tavolo con due volti sconosciuti. Si trattava del bassista cecoslovacco Edu Vizvari e del compositore tedesco Hartmut Geerken . Mai incontro fu più felice ; i due musicisti condividevano con il nuovo amico egiziano la passione per la musica afroamericana e rimasero colpiti dalla sua competenza e dalle sue idee in ambito jazzistico. Il pensiero maturato dal batterista egiziano consisteva nella creazione di un orchestra che fondesse gli elementi classici del jazz con sonorità tipicamente arabe. Negli Stati Uniti ricerche di questo tipo venivano approfondite da musicisti quali Yusef Lateef , Sun Ra e John Coltrane, attratti dal mondo islamico e dalle nazioni nord africane , ma l' equazione veniva in questo caso rovesciata. Non si trattava più del classico “West meet East” ma, per la prima volta, del Medio Oriente che si avventurava all'esplorazione delle sonorità occidentali per introdurle nel proprio patrimonio musicale.
I due nuovi amici si dichiararono entusiasti del progetto innovativo proposto da Salah Ragab, ma sarebbe dovuto passare ancora qualche tempo perché le cose si mettessero davvero in moto.
Molte idee nascono e muoiono senza aver avuto il tempo o la possibilità di svilupparsi. Grazie , come è stato detto, alla spirito innovatore del presidente Nasser , questa idea invece ebbe modo di concretizzarsi e di evolversi seguendo percorsi davvero particolari.
Nominato nel 1968 , dallo stesso presidente, capo del dipartimento militare musicale di Heliopolis a Salah Ragab vennero messi a disposizione un edificio militare, circa 3000 musicisti e ogni tipo di strumento potesse desiderare, il tutto utilizzando i fondi del ministero della difesa.
Dopo aver selezionato 25 musicisti tra quelli messi a disposizione, Salah Ragab avviò un estenuante programma di studio accademico. Le competenze musicali dei musicisti militari erano per lo più ridotte alla conoscenza di marce e inni nazionali mentre una parte significativa del nuovo programma era basata sull'improvvisazione, elemento fondamentale della musica jazz.
Mentre i musicisti jazz americani affrontano un percorso formativo che si sviluppa nell'arco di parecchi anni, i musicisti egiziani ,che avrebbero composto quella che verrà chiamata Cairo Jazz Band, furono costretti ad apprendere le basi di una musica fino allora quasi sconosciuta in un lasso di tempo davvero breve.


Dopo solo un anno di prove e studi il progetto musicale debuttò il 23 Febbraio 1969 , in occasione di un concerto pubblico alla Ewart Memorial Hall presso l'Università americana proponendo un set che comprendeva composizioni di tutti i fondatori del gruppo, così come arrangiamenti di opere di Dizzy Gillespie, Nat Adderley e Count Basie .

Nel corso degli anni successivi la band si sarebbe esibita in varie occasioni, spesso patrocinate dal Goethe Istitute del Cairo, ed avrebbe proposto un programma costituito da brani appartenenti alla tradizione jazzistica americana, rielaborati in chiave mediorientale, e composizioni originali di Ragab, Geerken e Vizvari.
A dispetto delle intenzioni iniziali, la musica della Cairo Jazz Band non avrà mai diffusione di massa e non diverrà mai il suono della nuova stagione rivoluzionaria ma , in qualche modo, il seme era stato piantato e l'orchestra continuerà per alcuni anni la sua attività evolvendosi verso sonorità sempre più vicine al free jazz .
Il lavoro di questo particolare collettivo di artisti attirerà l'attenzione di Sun Ra, uno dei più affascinanti musicisti jazz dell'epoca , il quale con la sua Arkestra si adoperava per la diffusione di un messaggio musicale interplanetario che proprio nel misticismo , nella spiritualità e nell'esoterismo dell'antico Egitto aveva i suoi riferimenti principali.
Invitato per la prima volta al Cairo da Hartmut Geerken nel 1971 , Sun Ra registrerà alcuni brani della Cairo Jazz Band in collaborazione con Ragab e i suoi musicisti ed influenzerà notevolmente la produzione musicale dell'orchestra egiziana. I viaggi di Sun Ra nella terra dei faraoni si ripeteranno nel corso degli anni e sempre collaborerà con la band in occasione di vari concerti e registrazioni in studio.
Il risultato di questi incontri apparirà nell'album intitolato “ The Sun Ra Arkestra Meets Salah Ragab In Egypt “ uscito nel 1983 per l'etichetta Praxis. La riedizione in Cd del 1999 comprenderà la quasi totalità delle collaborazioni tra queste due grandi orchestre.

Per molti anni i dischi pubblicati dalla Sun Ra Arkestra rappresenteranno l'unica possibilità per ascoltare la musica prodotta dalla Cairo Jazz Band. Durante il periodo di attività dell'orchestra infatti saranno pubblicati in Egitto soltanto un 45 giri , uscito ad opera dell'etichetta Sono Cairo, contenente “Egypt Strut”, composizione liberamente ispirata al brano “Watermelon Man” di Herbie Hancock , un album compilation divulgativo intitolato “ Egypt : A Holliday Souvenir “ edito dalla casa discografica EMI che vede rappresentata la Cairo Jazz Band con il brano “Amber of the Nile ( un rimaneggiamento di “ Egypt Strut”) , un album contenente sei brani realizzato dal Ministero della cultura egiziano , prodotto dalla Prism Music Unit nel 1973 accreditato alla Cairo Jazz Band ( un vero pezzo da collezione di difficile reperibilità) e un album edito nel 1970 dal Goethe Istitute del Cairo, in collaborazione con l'etichetta Sono Cairo , intitolato “ Heliopolis “ accreditato alla Cairo Free Jazz Ensemble . 


Inutile dire che tutte queste registrazioni non hanno mai avuto occasione di essere ascoltate dal grande pubblico. A questo probabilmente si deve l'oscurità che ha circondato il lavoro dell'orchestra egiziana per molti anni e la mancanza di un accurata documentazione relativa ad un periodo storico veramente importante per la cultura musicale medio orientale. La lacuna è stata colmata grazie al meritevole lavoro dell'etichetta discografica inglese Art Yard la quale nel 2006 ha dato alle stampe un vinile intitolato “Egyptian Jazz “ accreditato a Salah Ragab & The Cairo Jazz Band .
Finalmente, dopo quattro decenni , il lavoro di questi egiziani visionari ha potuto essere ascoltato, suscitando nel pubblico un misto di meraviglia e ammirazione.
L'album , composto da sette brani, raccoglie una parte del materiale registrato dalla band tra il 1968 e il 1974 e si propone come il perfetto connubio tra il jazz occidentale e la concezione musicale araba . Le influenze americane sono riscontrabili specialmente nel campo dell'orchestrazione che paga pegno al lavoro di Charles Mingus e al jazz cosmico dell'amico Sun Ra , ma è nel rapporto tra la sezione ritmica, che sovente esplode in groove percussivi feroci, e le linee melodiche che la tradizione araba si rivela in tutto il suo splendore.

L'edizione in Cd realizzata nel 2008 offrirà una visione più completa della produzione dell'orchestra arricchendo la prima stampa con cinque ulteriori brani.
Due in particolare rivelano lo spirito nazionalistico del progetto nato , è bene ricordarlo, con intenti propagandistici in sostegno di una precisa politica rivoluzionaria.

Il brano “ The Crossing”, una vera e propria marcia trionfale, fu composto per celebrare quello che in Egitto è conosciuto appunto come l’ “Attraversamento” , in riferimento all'attraversamento da ovest ad est del Canale di Suez da parte dell'esercito egiziano all'inizio della Guerra del Kippur, nel 1973 , mentre la composizione “ A Farewell Theme” rappresenta il commosso tributo dell 'orchestra alla dipartita di Gamal Nasser avvenuta il 28 Settembre 1970.

Salah Ragab & Malek Osman Kareem
I brani registrati nel 1974 rappresentano il canto del cigno per questo anomalo gruppo jazz. Salah Ragab continuerà i suoi studi nel campo della composizione e delle percussioni e si troverà a collaborare nel corso dei decenni successivi con svariati musicisti tra i quali il gruppo jazz rock tedesco Embryo, il pianista sudafricano Abdullah Ibrahim , il pianista americano Mal Waldron e Tony Allen, leggendario batterista afro beat , sodale del grandissimo Fela Kuti.
Nel luglio del 2008 la vita di questo batterista innovatore si spegnerà . Sconosciuto ai più , Salah Ragab, allineandosi con le correnti più interessanti della musica jazz americana, può essere riconosciuto come il vero padrino della musica jazz egiziana che grazie al suo contributo ha potuto offrire una valida alternativa ai modelli d’oltreoceano , un alternativa che ha pagato pegno alla fonte ispiratrice ma che ha mantenuto un gusto e un accento ritmico sempre rivolti a Oriente.






 Salah Ragab and the Cairo Jazz Band Presents  Egyptian Jazz





 

01 Ramadan In Space Time
02 Dawn
03 Neveen
04 Oriental Mood
05 Kleopatra
06 Mervat
07 Egypt Strut
08 A Tribute To Sun Ra
09 Latino In Cairo
10 Black Butterfly
11 The Crossing [Oubour]
12 Calling You
13 The Kings Valley - Upper Egypt
14 A Farewell Theme



BONUS TRACK :

 15 Kleopatra (alternate take) 
 16 Kahn El   Khaleely
 17 The Egyptian March  


CREDITS :
  • Bass – Moohy El Din Osman
  • Bongos – Sayed Ramadan
  • Conductor – Salah Ragab
  • Congas – Salah Ragab
  • Drums – Salah Ragab, Sayed Sharkawy
  • Drums [Baza] – Sayed Ramadan
  • Flute – Zaky Osman
  • Flute [Bamboo Nay] – Abdel Hamd Abdel Ghaffar (Toto)
  • Piano – Khmis El Khouly, Salah Ragab
  • Saxophone [Alto] – El Saied El Aydy, Farouk El Sayed
  • Saxophone [Baritone] – Abdel Hakim El Zamel, Saied Salama
  • Saxophone [Tenor] – Fathy Abdel Salam, Saied Salama
  • Trombone – El Sayeed Dahroug, Mahmoud Ayoub, Sadeek Basyouny
  • Trombone [Bass] – Abdel Atey Farag
  • Trumpet – Ibrahim Wagby, Khalifa El Samman, Mohammad Abdou, Zaky Osman
  • Tuba [Bass] – Mohammad Abdel Rahman

 HERE







Cairo Free Jazz Ensemble ‎– Heliopolis






Recorded on March 31 & April 01, 1970 at Deutsches Kulturinstitut, Cairo, Egypt.

A1 Liberty For Iratilim
B1 Turnus
B2 Diagnosis For Percussion

BONUS TRACK :

  Free Together   (  Recorded May 10, 1970, Nile Hall, Cairo, Egypt.)

CREDITS :
  • Alto Saxophone, Drum [Ramadan Drum], Cymbal, Rattle [Mokkatam Pod Rattles] – Farouk Abdel Rahman
  • Bagpipes – Abdel Ghani Metawally, Ahmed Kollaly, Rofaeel Francis
  • Baritone Saxophone, Drum [Ramadan Drum], Cymbal, Rattle [Mokkatam Pod Rattles] – Abdel Hakim Zamel*
  • Bass, Strings, Other [Wood] – Moohi El-Din Osman
  • Drums, Congas, Tambourine – Salah Ahmed Ragab
  • Engineer – Joseph Hermeling
  • Piano, Marimba [Xylomarimba], Gong, Cymbal, Chimes [Tubular Chimes], Bells [Fire-brigade Bell, Camel Bells, Horse Bells], Temple Block, Bendir, Congas, Maracas, Other [Thunder Sheet, Toy Car Producing The Sound Of A Siren], Composed By – Hartmut Geerken
  • Tenor Saxophone, Congas, Cymbal, Rattle [Mokkatam Pod Ratttles] – Fathi Abdel Salam
  • Trombone, Congas, Cymbal, Rattle [Mokkatam Pod Rattles] – Mahmoud Ayoub
  • Trombone, Drum [Zebra Drum], Gong [Small Gong], Bells [Horse Bells] – Sadeek Bassouni
  • Trumpet, Drum [Hand Drum], Bendir, Bells [Small Bell] – Khalifa Ismail
  • Trumpet, Drum [Hand Drum], Goblet Drum [Darabukka], Bells [Horse Bells] – Ibrahim Wagdi
  • Tuba, Drum [African Tin Drum, African Wooden Drum], Tambourine – Mohammed Abdel Rahman 


    HERE



    The Sun Ra Arkestra  Meets Salah Ragab 



    01 The Sun Ra Arkestra  - Egypt Strut
    02 The Sun Ra Arkestra - Dawn
    03 The Sun Ra Arkestra  -  Watusa
    04 The Cairo Jazz Band  - Ramadan
    05 Salah Ragab  - Oriental Mood
    06 The Cairo Jazz Band  - A Farewell Theme
    07 The Cairo Free Jazz Ensemble  - Music For Angela Davis

    HERE

Lounis Ait Menguellet لونيس آيت منقلات









Lounis Aït Menguellet (17 January 1950) was born in Ighil Bouammas in Tizi Ouzou Province, is a Berber singer from Algeria, who sings in the Berber language (Kabyle variant). Lounis Aït Menguellet is certainly one of the most popular and charismatic artists of the contemporary Kabyle music scene.

He is a poet-musician who has become something of a symbol of the Kabyle demands for recognition. Kabylie has been the setting for many fierce confrontations. Although Lounis’s songs are frequently about Kabylie and its history and its present suffering and misery, he is always quick to state that he isn’t a politician and he doesn’t get involved in politics. However, few can deny the political clout of his songs or their political and sometimes very biting and critical messages.

Many critics of Lounis Aït Menguellet's career like to see it as two distinct parts and because that is a generally accepted view it will be the one offered here. The first part is seen as being centred on the production of love songs and nostalgia. Frequently there are references to a lost love. The songs tend to be shorter than he produces today. Typical songs from this period are Thalt Ayam (Three Days) and Tayri (Love). The second part of his career is characterised by longer songs which demand close reading and interpretation – for example the beautiful and tragic Akw nikhdaa rebbi (Be cursed).

Yenna-d Umghar (The Wise Man Has Spoken) is characterised by more complex music and a much more careful presentation of lyrics in Kabyle, French and Arabic with a brief summary in English. The Lounis of Yenna-d Umghar is a far cry from the Lounis of the early work which is now quite hard to come by. The Lounis of Yenna-d Umghar is more perhaps accessible to European ears, at once alien and familiar. It is indeed a beautiful work, made all the more effective once the poetry is understood. When he presented Yenna-d Umghar on 16 January 2005 at the Maison de la Culture, Tizi Ouzou, on the occasion of his 55th birthday, he said that the artist could only draw people’s attention to their lives and appeal to their consciences. He added that it was still a mission and he didn’t consider himself capable of bringing solutions to the problems. 


The latest album is Tawriqt tacebhant - (The Blank Sheet) and was released in August 2010. The title has caused some discussion in Kabyle circles because it is only comparatively recently that Kabyle has become a written language again and many of the older generation don't read and write Kabyle though they do read and write in French. The title song talks about the struggles of writing the poem and how the poet is faced with a blank sheet, he is scared that Inspiration (which is personified) will not meet him on the page. Resigned to failure, he goes outside and finds himself thinking about the nature of his task and he realises that actually what he wants to say is there, he just has to do it. He returns to the blank page and writes the poem which he leaves as an inspiration to everyone else. Whenever we start a new task that we find daunting, the poem will be there as inspiration and guidance.

Tawriqt tacebhant was to contain a Kabyle version of Bob Dylan's Blowin' in the Wind. However, versions of the CD circulating in the UK at least, contained the lyrics to the Kabyle version but not the song itself.

Despite the fact that Lounis continues to sing about the plight of Kabylie, his poetry has universality that transports it beyond the topical protest song to something far more enduring. He talks of situations and conflicts which are only too familiar to those outside of Kabylie. He may indeed be a poet for Kabylie but his poetry is at the same time universal and enduring.[citation needed] He incorporates folklore into his songs, using the traditions of the past to make comments about the state of society. For example in urğğaγ win turğğa teryel (I await the one the ogress waits for) he uses the story of Ali and the Ogress to express comments about the nature of love.




It is this universality that makes it speak to the world. It is difficult to offer an effective parallel for anglophones but the closest is perhaps Bob Dylan though Lounis’s attitude to the role of the song is perhaps more akin to that of Joan Baez. Lounis’s culture is an oral one so the song in Kabyle culture acts more like the newspaper and the leaflet of European protest.  Even today[when?] when more and more Kabyle are able to read and write their language rather than reading and writing in French, this aspect is still present in Lounis’s songs. The fact that his songs are now accompanied by the lyrics is an acknowledgement of the new-found written aspect of Kabyle and the presence of the translations indicates that Lounis himself is aware that his poetry has a universal application as well as being a means to publicise the plight of Kabylie to a wider audience.












 


Lounis Aït Menguellet (Ighil Bouammas, 17 gennaio 1950) è un cantante e poeta berbero con cittadinanza algerina.

Proviene da un piccolo villaggio appollaiato sui monti del Djurdjura, nelle vicinanze di Tizi Ouzou in Alta Cabilia.

Lounis Aït Menguellet è indubbiamente uno degli artisti più popolari e più avvincenti della canzone cabila contemporanea, un poeta che è diventato il simbolo della rivendicazione identitaria berbera. A proposito degli avvenimenti che hanno scosso la Cabilia negli ultimi anni, egli dice che, fedele a se stessa, la regione è un bastione della contestazione e che è sempre stata all'avanguardia delle lotte. «Io parlo della Cabilia a modo mio, per apportare qualcosa che faccia progredire le cose», affrettandosi peraltro a chiarire che lui non fa mai politica.

La carriera di Lounis Aït Menguellet può essere divisa in due parti, a seconda delle tematiche trattate: la prima, più sentimentale, degli inizi, in cui le canzoni sono più brevi, e la seconda, più politica e filosofica, caratterizzata da canzoni più lunghe e che richiedono un'interpretazione e una lettura più approfondita dei testi. Ahkim ur nsaa ara ahkim (Governo senza governo), Idul sanga a nruh (Lungo è il cammino che ci aspetta), Nekni s warach n ldzayer (Nous, les enfants figli dell'Algeria): Aït Menguellet sceglie deliberatamente nei suoi concerti recenti di cantare queste poesie più lunghe e articolate, come un invito, lanciato al suo pubblico, a una riflessione e a una scoperta. 




Presentando alla stampa il suo ultimo album, il 16 gennaio 2005, la vigilia dell'uscita, che ha coinciso con il suo cinquantesimo compleanno, alla Casa della Cultura di Tizi Ouzou, Lounis ha fatto presente che «l'artista non fa che attirare l'attenzione della gente sul proprio vissuto facendo appello alla loro coscienza. Già questo è una missione e non mi ritengo in grado di apportare io le soluzioni ai problemi». Inasprito dalla situazione sociale e politica del suo paese lacerato, Lounis attinge sempre meno, nel suo repertorio, alle canzoni sentimentali che hanno caratterizzato i suoi inizi.


Ultimogenito di una famiglia di sei figli (ha tre sorelle e due fratelli), Lounis Aït Menguellet è nato nel villaggio di Ighil Bouammas, nei pressi di Tizi Ouzou in Cabilia il 17 gennaio 1950, poco più di quattro anni prima dello scoppio dell'insurrezione che doveva portare, dopo otto anni di guerra senza quartiere, all'indipendenza del suo paese.

Ha vissuto un'infanzia difficile, diviso tra la sua regione natale e Algeri, dove ha risieduto per qualche tempo ospitato dai fratelli Smail e Ahmed. I suoi genitori svolgevano attività di commercianti. «La mia famiglia aveva come tradizione il commercio. Avevamo una sorta di azienda agricola e dei magazzini nelle ragione di Orano, a Rahouia. Gli uomini della famiglia vi si recavano a turno per badare agli affari. Le donne e i bambini restavano in Cabilia». Alla scuola del suo villaggio fece appena in tempo a cominciare le elementari: «L'ho frequentata per un anno, prima che la scuola fosse distrutta, incendiata dai Mujahidin ».

E come ha proseguito? «È stato un po' complicato. Ho cercato di riprendere gli studi al villaggio, e ho frequentato ancora qualche anno prima dell'indipendenza. Poi, dopo il 1962, sono partito con i fratelli diretto ad Algeri, dove ho ripreso i corsi d scuola primaria in una scuola ai "Champs de Manœuvres", e da qui, sono finito all'avviamento professionale, che ho frequentato per tre anni».

Nel corso dell'ultimo anno, Lounis dovette abbandonare tutto in seguito alla morte, in un incidente stradale, del fratello maggiore, giovane commissario di polizia ad Algeri, che badava al suo sostentamento e si prendeva cura di lui dopo che il padre era partito per Orano.

Per quanto i suoi studi siano stati brevi e frammentari - ha seguito un corso di avviamento professionale di ebanisteria - gli hanno permesso di appassionarsi alla letteratura, grazie anche ad un professore di francese particolarmente capace di motivare gli allievi. Fu così che cominciò a scrivere poesie, che poi cantava nella pura tradizione orale della poesia berbera.

Costretto a lavorare per mantenersi, Lounis trovò un impiego come segretario distrettuale al ministero dei Lavori Pubblici. Ma parallelamente cominciò a dedicarsi sempre più alla canzone, senza pensare di diventare cantante di professione.

Gli inizi dell'attività di cantante risalgono agli anni intorno al 1968. Aveva solo diciott'anni quando ha creato con alcuni compagni il gruppo Imazighen. «Eravamo dei debuttanti, abbiamo girato molto animando concerti e feste un po' dappertutto in Cabilia. Ricordo bene il concerto che avevamo fatto a Tassaft. La sala era strapiena e ne serbo un eccellente ricordo. Era il nostro primo concerto di successo, ci ha davvero galvanizzati». Dei padri bianchi avevano messo a loro disposizione un locale per provare. E al primo piano dello stesso edificio, Mouloud Mammeri teneva dei corsi di lingua amazigh; è grazie a lui che Lounis ha imparato l'alfabeto tifinagh.

Già l'anno prima, nel 1967, suo cugino Ouahab lo aveva portato quasi di forza a subire l'inevitabile ma temutissimo passaggio alla trasmissione Nuova Ihafadhen della Radio II (in lingua cabila) che Chérif Kheddam, grande personaggio della modernizzazione della canzone cabila, consacrava alla scoperta dei « cantanti di domani». In quell'occasione cantò la sua prima canzone, composta nel 1966, all'età di sedici anni, in seguito alla sua prima delusione amorosa, Ma trud ula d nek kter ("Se tu piangi, io piango ancora di più"). Il giovanotto che era solito cantare tra amici al chiaro di luna di Ighil Bouammas, diventò così, in pochi mesi, un idolo che sconvolgeva i cuori. Era iniziata la sua carriera.

Questo cugino si occupava del gruppo, e svolgeva un po' le funzioni di manager. «Per la verità è lui che mi aveva spinto a partecipare. Col tempo, era come un manager per il gruppo, curava l'organizzazione dei concerti, del trasporto. È stato molto attivo con noi fino al 1970. Poi, io sono tornato al villaggio, gli altri si sono dispersi, e il gruppo ha finito per dissolversi. Ridendo e scherzando l'esperienza era comunque durata tre anni».

Tornato a casa a Ighil Bouammas, Lounis trovò un impiego come segretario presso la Kasma (sezione del partito) della regione, e si sposò. Dovette però lasciare il lavoro dopo solo pochi mesi per rispondere alla chiamata di leva. La sua prima figlia - in totale ha avuto sei figli - è venuta alla luce mentre lui seguiva ancora l'addestramento reclute a Blida, prima di trascorrere i suoi diciotto mesi di servizio militare a Costantina.

Fu in questo stesso periodo che Lounis iniziò veramente la sua attività di cantante. Sempre grazie al cugino Ouahab, che era entrato in contatto con un editore, Yahia L’hadi (a sua volta cantante famoso in arabo oranese), nel 1969 registrò a Orano quattro canzoni (tra cui la prima in assoluto, Ma trud ula d nek kter), per i suoi due primi 45 giri, usciti contemporaneamente.

Con l'aiuto di un amico, Kamel Hamadi, riesce a superare gli ostacoli imposti dalla vita militare per continuare a registrare: «Di fatto Kamel mi ha aiutato molto a sfondare. Venivo in licenza nei week-end, e lui mi prenotava in anticipo la sala d'incisione di Mahbou Bati a Algeri per poter registrare. All'epoca erano dei 45 giri. Poi io lasciavo il nastro con la registrazione a Kamel che cercava un editore e si occupava di tutto mentre io riprendevo il treno per Costantina la domenica sera».

Fu così che solo con molti mesi di ritardo seppe del successo ottenuto dal suo secondo hit, A Louiza, che con Ma selber ("Se sragiono") assicura definitivamente la sua popolarità. «Non ne sapevo proprio nulla. Ero lontano, a Costantina, chiuso in una caserma…».

Aït Menguellet era lungi dall'immaginare che si era incamminato verso una lunga carriera e che, in seguito, questo periodo degli inizi sarebbe stato definito «gli anni d'oro», titolo dato nel 1987 alla riedizione delle sue prime canzoni. A questo proposito, precisa con modestia: «Questo titolo io non ho mai avuto la pretesa di proporlo. È l'editore che lo ha usato senza neppure avvisarmi. Io non avrei mai osato. L'ho scoperto anch'io come tutti sulle copertine delle cassette ripubblicate. E così, se non va bene, io non ne sono responsabile, e se la gente trova che vada bene, io non ho alcun merito».


Fin dagli inizi si colloca in posizione di rottura rispetto alle orchestrazioni sovraccariche (in un modo secondo lui spesso inutile), della musica «berbera» dell'epoca. Il suo linguaggio è al tempo stesso poetico e rivendicativo. È divenuto un simbolo della musica amazigh, a tal punto che è stato spesso definito il Brassens cabilo.

Negli anni Settanta, si trasferisce per qualche tempo in Francia, dove si impone come una delle figure di spicco della canzone cabila nell'emigrazione. Si esibisce una prima volta all'Olympia nel 1978, fa il tutto esaurito allo Zénith di Parigi nel 1985, e riempie sempre gli stadi di Tizi Ouzou, di Béjaïa e la sala Atlas ad Algeri. A partire da questo periodo, comincia a diventere il simbolo della rivendicazione identitaria berbera che esprimeràin maniera éclatante un decennio dopo, quando lascerà da parte le canzoni sentimentali degli inizi per adottare uno stile più "filosofico", più politico, che andrà affermandosi con le canzoni fondatrici come Agu ("La nebbia"), Tibratin ("Lettere") e soprattutto Idaq wul ("Il cuore oppresso").

La gente si riconosce nel disagio sociale descritto da Aït Menguellet. I suoi testi contengono quella dose di sovversione che è necessaria per la presa di consapevolezza di un popolo che rivendica la propria identità. Lounis Aït Menguellet è n elemento di disturbo. Il 25 ottobre 1985, viene condannato a tre anni di prigione senza condizionale per «detenzione illegale di armi da caccia e da guerra» (era notoriamente un collezionista di armi usate durante la guerra di liberazione nazionale). Per tre mesi viene tenuto in isolamento. Nonostante i rovesci di fortuna e l'ingratitudine umana, resta sempre il più popolare dei cantanti cabili. E soprattutto il più denso e profondo. Infatti egli ha saputo conservare un perfetto equlibrio tra l'ispirazione e costituisce un momento forte della canzone algerina contemporanea.

Dopo quasi quarant'anni di carriera e oltre 200 canzoni prodotte (lui stesso afferma di non essere in grado di dire il numero esatto) ed una notorietà ben affermata, Lounis Aït Menguellet è sempre rimasto «quel fiero campagnolo», «quel montanaro dal carattere forte», che cerca di trascorrere giorni tramquilli nel suo villaggio di Ighil Bouammas. «La vita al villaggio non è così noiosa come si pensa. Il villaggio in cui si è nati presenta delle attrattive che gli altri non possono vedere. Il fatto di svegliarmi al mattino e rivedere sempre la stessa montagna da quando sono nato mi dà sempre qualcosa.»

Nel 2001 viene fatto oggetto di attacchi da parte di chi lo accusa di non prendere le distanze dalla istanze ufficiali del potere, che disprezza la cultura berbera e che si è macchiato della feroce repressione della primavera nera. A queste critiche risponde un paio d'anni dopo con la canzone Nedja-yawen amkan ("Vi lascio il posto"), che viene considerata una risposta a questi fatti, di cui rifiuta di parlare.  



Nel 2005 esce il suo ultimo album, Yenna-d Umghar ("Il vecchio saggio ha detto"), in cui si osserva come la saggezza che canta nelle sue canzoni sia attinta presso la gente comune che gli vive accanto. Il pezzo più lungo dell'album (8' 22") è Assendu n waman ("Venditori di fumo") che denuncia al contempo i manipolatori d'opinione che hanno cariche ufficiali, ma anche tutte le voci "ufficiose", faziose, spesso fatte circolare da questo o quel partito politico. Lounis rileva che i venditori di fumo «vengono, prometton. E tornano, dimenticano. E dicono 'è così che si deve fare'». Non viene risparmiato nessun attore politico, ed è proprio questo che alcuni rimproverano a Aït Menguellet: la sua mancanza di "impegno". Al che egli risponde di non avere la vocazione del cantante impegnato. Lui è un umanista, un ribelle, osservatore e portavoce della gente comune, degli umili di tutte quelle voci, schiacciate da ogni forma di egemonia, che non hanno mai la possibilità di esprimersi. Da questo punto di vista, si potrebbe osservare una certa affinità, nel mondo della canzone italiana, con Giorgio Gaber, impegnato sì nel denunciare con rara sensibilità tanti aspetti della società, ma mai "allineato" con questo o quel partito politico.









Ait Menguellet أيت منڤلآت  -   Thalt Ayam / Taɣzalt




A ) Thalt Ayam
B ) Taɣzalt

HERE



Ait Menguellet أيت  منڤلآت  -  Awin Iqazanizzagwan  / Anoughagh




A )  Awin Iqazanizzagwan
B ) Anoughagh

HERE





 
Ait Menguellet أيت  منڤلآت  -  Ruḥ ad qqimaɣ / Aya Vridh






A ) Ruḥ ad qqimaɣ

B ) Aya Vridh
 

 HERE



 Ait Menguellet أيت  منڤلآت  -  Igganim / Thasadhlamddiyi





 A )  Igganim
 B )  Thasadhlamddiyi

 HERE



Ait Menguellet أيت منڤلآت  -  Anida teğğam mmi




01  Anidh tadjam ammi
02 Thkharaq Thargith
03 Koul Yiwan
04 Anfiyi Kan

HERE



Ait Menguellet أيت منڤلآت   -  Amajahad




01 Amdjahhadh
02 Thizizwith
03 Ittij
04  Ali, ouali, mohand, m'hand

HERE





Ait Menguellet أيت  منڤلآت   -  Aεṭar




01 Aεeṭṭar
02 Ikhf Itsun
03 Hommage
04 Targit
05 Samathtas
06 Kabylie (instrumental)

 HERE



 Ait Menguellet أيت  منڤلآت   -   Ay agu




 A1 Ayaggou
 A2 Dhanouvac
 B1 Ardjouyi
 B2 Iddoul Saga n Rouh
 B3 Amchoum

 HERE



  Ait Menguellet أيت  منڤلآت   -   Eṭes eṭes




 A1 Ettes,Ettes
 A2 Lxyuf
 A3 A Ddunit Iw
 B1 Nnekxini S Xarrac N Lzayer
 B2 In'As I Gma
 B3 A Machahu

 HERE




  Ait Menguellet أيت  منڤلآت -  A Mmi




 A1  A Mmi
 B1Tayri
 B2 A Behri
 B3 Nezra

 HERE




  Ait Menguellet أيت  منڤلآت -  Al Musiw




 01  Al Musiw
 02  Askouti
 03  A Nejmaa
 04  Si Lekdeb Gher Tidets
 05  Tibratin
 06   Ayadrar (feat. Moussaoui)

 HERE




 Ait Menguellet أيت  منڤلآت -  Eğğet-iyi




 A1  Egget Iyi
 A2 Tighrin Tasa
 A3 Qqim Deg Rebbiw
 A4  Taqsit Ik
 B1 Ay Aqbayli
 B2 Askriw


 HERE



 Ait Menguellet أيت  منڤلآت   -  Asefru




 A1 Asefru
 A2 Ammeddah
 B1 Tekssem
 B2  Ummeri
 B3  Later
 B4  Aylam

 HERE



  Ait Menguellet أيت  منڤلآت  -  Achimi




 A1 Achimi
 A2 Widi Ruhan
 A3 Tiyita
 B1 Afenan
 B2 Lukan
 B3  Echna

 HERE



  Ait Menguellet أيت  منڤلآت  -  A kwen-ixḍaε Rebbi




 01 Awkni Xdae Rabbi
 02 Imsebriden
 03  El Gherba N 45
 04  Ghurwat
 05 Tamurt Ennegh
 06 Tagmat

 HERE




  Ait Menguellet أيت  منڤلآت  -  Awal




 01 Amousnaw
 02 Izurar Idurar
 03 Awi Run
 04 Awal
 05 Labas
 06 Echna Amehvul
 07 Tamexra

 HERE



 Ait Menguellet أيت  منڤلآت  -  Iminig G Gid




 A1 Iminig G Gid
 A2 Ssebba
 A3 Tarewla
 A4 A Mmis Umazix
 B1  Tarbeght
 B2 Di Ssuq
 B3 A Dughalen

 HERE


 Ait Menguellet   أيت  منڤلآت   -  Yenna-d wemγar




 01  Ini-D Ay Amyar
 02 Yenna-D Umyar
 03 Dda Yidir
 04 Yerna Yiwen Wass
 05 Asendu N-Waman
 06 Ccna N Tejmilt
 07 Asendu N-Waman (Instrumental)

 HERE



  Ait Menguellet   أيت  منڤلآت   - Tawriqt Tacevhant




01 Tawriqt tacebhant
02 Amennugh
03 Serreh i waman
04 Lebghi n wul
05 Ghas ma nruh
06 Taggara n tezwert
07 Lewgab deg wadu

HERE




 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...